inAbruzzo | Brittoli
1034
post-template-default,single,single-post,postid-1034,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,select-theme-ver-3.8.1,wpb-js-composer js-comp-ver-5.1.1,vc_responsive

Brittoli

Brittoli

Il paese di Brittoli è molto piccolo, arroccato su uno sperone di roccia alle pendici orientali del Gran Sasso, compreso tra il fiume Nora e il Cigno. Il centro storico, raccolto e accogliente, si raggiunge con una stradina molto tortuosa. Le abitazioni non presentano pregi formali o monumentali ma molte case sono ricche di decorazioni architettoniche come mensole e portali in pietra.

Frazioni

San Vito, Boragne, Cerqueglio, Cona, Fonte Moro, Intro d’Acqua, Pagliaro di Tono, Peschiole, Spinaci

Dati e curiosità

  • altitudine: 779 m
  • superficie: 15 km quadrati
  • nome degli abitanti: brittolesi
  • Santo patrono: Madonna della Neve
  • festa patronale: 5 agosto

fa parte di

  • Parco del Gran Sasso e Monti della Laga
  • Comunità Montana Vestina 

Storia

  • 962
    Il borgo, probabilmente fondato dai Franchi, è documentato con il suo nome fin da adesso.
  • Epoca altomedievale
    Dalle fonti ricaviamo che era feudo dei De Apruzio.
  • XI-XII secolo
    Fu di proprietà dei vescovi di Penne.
  • Fine XV secolo- 1588
    Fu di possesso dei Cantelmo, fino a quando non lo cedettero ai D’Afflitto (1588).
  • XVIII secolo
    Passò sotto il controllo dell’amministrazione regia.

Da visitare

Chiesa di San Carlo
La chiesa parrocchiale è intitolata a S. Carlo Borromeo, fu fondata nel 1126 ma in seguito a numerosi restauri attualmente ha un aspetto neoclassico. E’ inglobata al vicino palazzetto baronale, per cui priva di facciata. Presenta un portale semplice e lineare con uno stemma sul culmine. L’interno è sobrio e scandito in tre navate; l’altare baroccheggiante, presenta colonne scanalate e decorate a rilievo con dentelli, volute, angeli e cherubini. Al centro campeggia la statua del Sacro Cuore affiancata da S. Carlo e S. Giovanni. Rilevante una statuetta in legno policromo di epoca medievale, conservata in sacrestia, che rappresenta la Vergine in trono col Bambino.

Cappella di Sant’Antonio
Si tratta della cappella gentilizia privata annessa al Palazzetto baronale. Presenta una facciata lineare in stile neoclassico in pietra e laterizio scandita da lesene. Una lunetta in laterizi sovrasta il semplice portale con trabeazione in cotto.

Palazzo Pagliaccia
Palazzetto baronale del XVI secolo intorno al quale si stringe l’intero borgo antico. Ha uno stile severo e lineare caratterizzato da elementi architettonici in pietra bianca di tipico stile rinascimentale come mensole cosiddette “inginocchiate” alle finestre e decori sinuosi ai balconi; il portale è solenne, con piedritti sagomati e un caratteristico archivolto campito dallo stemma gentilizio. L’interno è scandito da uno scalone d’accesso e numerosi saloni.

Chiesetta di Sant’Antonio
Da vedere la piccola chiesetta rurale con la caratteristica facciata rustica in pietra grezza.

Frantoio
Recentemente recuperato grazie all’intervento del comune; l’opificio è visitabile (per info contattare il comune) e ripropone l’antica tradizione della produzione dell’olio con l’ausilio degli animali grazie alla macina mossa dalla spinta di muli.

Sorgente
In località Ponte Masciarello è possibile visitare una fonte sorgiva, forse sulfurea, definita nella tradizione locale “sorgente dell’Acqua Puzzolente”.

Immagini di Brittoli

vedi tutte le foto di Brittoli

Articoli culturali

cerca articoli culturali su Brittoli in Cultura inAbruzzo

Produzioni tipiche

Oleificio Di Sano – contrada San Giuseppe

Eventi

27 febbraio
Festa di San Gabriele dell’Addolorata.

Agosto
Festa della Montagna
Nel pieno delle vacanze estive, quando il paese torna a riempirsi di abitanti e turisti, si realizza la cosiddetta “festa della montagna” che ha luogo presso i rifugi Milione e Pontone; vengono realizzati giochi all’aperto e piatti fedeli alla gastronomia locale.

4 e 5 agosto
Festa della Madonna della Neve
La festa si chiama in questo modo in memoria del miracolo di cui si narra nella tradizione orale del paese. Durante la mietitura una nevicata inaspettata e inspiegabile coprì di neve tutti i campi costringendo i contadini a ritirarsi e abbandonare il raccolto; comparve all’improvviso una donna sconosciuta che invece li esortò a tornare nei campi. Questi erano sgombri dalla neve e perfettamente asciutti e il raccolto fu salvo. Si narra che quella donna sconosciuta fosse la Madonna così le venne dedicata una chiesa intitolata proprio alla “Madonna della neve”.

Metà Agosto
Percorso della bontà
Si svolge lungo le strade del centro storico dove vengono allestiti numerosi stand gastronomici che ripropongono cibi e bevande tipici della tradizione locale, tra le quali fanno da padrone le polpette, cosiddette “pallotte cacio e uova”.

Fine Agosto
La nostra festa
Si festeggia quella che viene definita “la nostra festa” dai brittolesi emigranti che si ritrovano nel loro pese natio nelle vacanze estive.

Ricettività

  • Bed and Breakfast Ostello della gioventù Cannatina – Località Cannatina
  • Bed and Breakfast Centro Sinai – Località Cona
  • Bed and Breakfast Ostello della gioventù Aia Vecchia – Località Aia Vecchia

Informazioni turistiche

Comune
Via Garibaldi, 5
Tel. 085 84 91 89
Fax 085 84 91 39

Tags: