inAbruzzo | Coatto
2362
post-template-default,single,single-post,postid-2362,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,select-theme-ver-3.8.1,wpb-js-composer js-comp-ver-5.1.1,vc_responsive

Coatto

Coatto, antico piatto “povero” dei pastori di Arsita

Coatto

Pietanza antica della mensa dei pastori d’Abruzzo, che trova nell’agro di Arsita il suo sito ideale. Le origini sono antichissime e certamente esso era conosciuto anche ai latini, da cui, presumibilmente, deriva il nome. Il significato gastronomico di “coactus” del verbo “cogere” sta a significare appunto carne cotta, addensata, ristretta. Altri spiegano il significato del nome della vendita obbligata degli animali accidentalmente uccisi, e di qui la vendita “coatta” annunziata al popolo dal banditore, su decisione dell’autorità comunale, a basso costo. Il coatto esalta la cucina tradizionale dei pastori, con la sua eterna filosofia di saggezza rude lavoro e semplicità. Nel coatto infatti si amalgamano sapori e profumi di un tempo lontano, quasi nostalgico. Completano questa autentica squisitezza l’armonia delle erbe selvatiche e gli odori che concorrono alla realizzazione della pietanza, che pur nella sua agreste semplicità, si rivela un piatto particolare e unico. Il mese di agosto è quello ideale per assaporare la genuinità della carne di pecora, quando ad Arsita si svolge la “sagra del coatto”.

Ricetta del Coatto

Ingredienti

Coatto, ingredienti

  • un cosciotto di pecora di buon allevamento di circa 1 chilo e 200 grammi
  • una cipolla tagliata a pezzetti
  • tre spicchi d’aglio puliti e schiacciati
  • erba pepe (piperinsis)
  • rosmarino
  • salvia
  • maggiorana
  • basilico
  • 2 decilitri di olio d’oliva
  • pomodori in bottiglia
  • un bicchiere di vino bianco
  • sale grosso
  • pepe
  • 1 litro e mezzo d’acqua

Preparazione

Dopo aver ben sgrassato la carne, tagliarla a pezzetti e metterla a cuocere in un tegame con l’aggiunta di poca acqua e portarla ad ebollizione per quindici minuti. Togliere dal fuoco, sgocciolare la carne e lavarla con acqua fredda. Preparare un tegame, possibilmente di coccio con il coperchio e mettervi la carne e tutti gli ingredienti segnati in ricetta compreso il pomodoro ad eccezione del vino e ricoprire il tutto con abbondante acqua e mettere a bollire a fuoco moderato per 3-4 ore con il recipiente con coperchio. Girare ogni tanto con il mestolo di legno, a metà cottura aggiungere il vino. Se l’acqua tende a diminuire aggiungerne poco per volta, sempre calda, e continuare la cottura, quando il tutto si sarà ristretto, “coatto”, e la carne sarà diventata tenera e insaporita da tutti gli odori, servire ben caldo in tavola.

Tags: