inAbruzzo | Sci da fondo: escursioni in Abruzzo
266
post-template-default,single,single-post,postid-266,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,select-theme-ver-3.8.1,wpb-js-composer js-comp-ver-5.1.1,vc_responsive

Sci da fondo: escursioni in Abruzzo

Escursioni con gli sci da fondo in Abruzzo

Le migliori escursioni con sci da fondo in Abruzzo

Anello dei tre Laghetti

Al margine di Campo Imperatore, raggiungibile da Fonte Cerreto o Santo Stefano di Sessanio, si snoda l’Anello dei tre Laghetti: 16 Km di straordinari panorami con vedute sul Corno Grande, la vetta più alta e spettacolare del Gran Sasso.

Piano del Voltigno

Da Villa Celiera si percorre una strada, non sempre accessibile d’inverno, per raggiungere il comprensorio Piano del Voltigno, un altopiano al margine est del Gran Sasso che offre percorsi dai 10 ai 14 Km in ambiente solitario e fascinoso.

Giro del Monte Puzzillo

Il Giro del Monte Puzzillo è un percorso circolare di quasi 15 Km, tra i più divertenti d’Abruzzo, scavalca il Valico di Morretano tra Campo Felice e il Velino. Una variante porta ai 2102 metri del rifugio Sebastiani.

Valle della Dogana

La Valle della Dogana è uno splendido itinerario con partenza da Marsia e lunghezza di circa 15 chilometri attraverso i Monti Simbruini. La zona è raggiungibile anche da Campo Rotondo o da Pereto.

Fosso Fioio

Per Fosso Fioio si va da Campo Rotondo, o dalla stazione sciistica di Campo Staffi (Frosinone), e con una scivolata di 14 Km si arriva al rifugio di Campo Ceraso, nei Monti Simbruini.

Valle d’Arano

La Valle d’Arano si apre ai piedi del Monte Sirente ed offre un itinerario di 8 Km con partenza da Ovindoli. Una ripida variante, di altri 6 Km tra andata e ritorno, porta alla Bocchetta Prato del Popolo, dove inizia la salita che raggiunge la vetta del Sirente.

Cicerana

Dal Passo del Diavolo, e dall’omonimo rifugio, si percorre una carrareccia innevata di 8 Km che porta alla Cicerana, uno dei pianori più suggestivi del Parco d’Abruzzo. La zona è molto frequentata dall’orso marsicano.

Dalla Macchiarvana a Pescasseroli

Dalla Macchiarvana a Pescasseroli si percorre una “scivolata” di 9 Km tra altopiani e faggete nel cuore del Parco. Il percorso permette di passare dagli anelli di Opi raggiungendo Pescasseroli. Una ripida deviazione allunga il percorso di 6 Km e conduce al santuario di Monte Tranquillo.

Da Pescasseroli al Piano di Terraegna

Quello che porta da Pescasseroli al Piano di Terraegna è un itinerario lungo e piacevole di 12 Km tra i boschi di Monte Marsicano e che tocca il rifugio di Prato Rosso, scavalcando la sella boscosa del Valico di Terraegna.

Val Fondillo

La Val Fondillo è una delle valli più celebri del Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise. Offre una panoramica scivolata fino ai piedi del Monte Amaro di Opi e del Monte Marsicano.

Dal Passo Godi al Ferroio di Scanno

Dal Passo Godi, con inizio poco a nord del valico, inizia un breve itinerario che porta lo sciatore fino al Ferroio di Scanno, margine della Riserva del PNALM.

Valle di Chiarano

Alla Valle di Chiarano si giunge dall’Altopiano delle Cinquemiglia attraversando le Bocche di Chiarano, salendo al rifugio dell’Imposto fino ai 1818 metri del Lago Pantaniello, protetto da una Riserva. Il percorso di circa 20 Km può essere raggiunto in discesa dalle Toppe del Tesoro o da Monte Pratello.

Da Decontra alla Piana Grande della Majelletta

Da Decontra, piccola frazione di Caramanico Terme, inizia una bella “scivolata” di 15 Km che porta ai piedi del versante occidentale della Majella, alla Piana Grande della Majelletta, con panorami splendidi sulla Valle dell’Orfento. In lontananza si scorge la vetta del Gran Sasso.