inAbruzzo | Il diritto al rimborso per il ritardo dell’aereo
10786
post-template-default,single,single-post,postid-10786,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,select-theme-ver-3.8.1,wpb-js-composer js-comp-ver-5.1.1,vc_responsive
Diritto al rimborso per il ritardo aereo con Flycare

Il diritto al rimborso per il ritardo dell’aereo

Di conseguenza, capita che i passeggeri quando si verificano dei ritardi sui voli, si vedono negato il diritto al rimborso per il ritardo aereo, nonostante ci siano le condizioni ottimali per ottenerlo. Il passeggero a questo punto per far valere i propri diritti non può che affidarsi a dei legali. Per fortuna ci sono però alcuni siti preposti a questa funzione come ad esempio www.flycare.eu che è specializzo in queste tematiche, e vanta innumerevoli successi sia per il suddetto rimborso ritardo aereo che per casi di cancellazione o di overbooking.

I voli da e per l’Europa

Qualunque sia il volo, la zona da cui è partito in ritardo l’aereo e a prescindere dal nome dell’operatore, ci sono delle regole ben precise che tutte le compagnie dovrebbero rispettare a seguito di accordi internazionali, ma purtroppo, molte volte non è cosi, e a farne le spese sono i passeggeri, specie quelli che non conoscono modalità e termini per inoltrare reclamo. Inoltre molte compagnie sui voli ritardati o annullati riconoscono soltanto alimenti gratuiti o a prezzi ridotti, hotel per la sistemazione e in alcuni casi in alternativa organizzano un volo aggiuntivo con la stessa compagnia aerea o con un’altra.

Queste politiche vanno accuratamente visionate dal passeggero poiché sono associati al biglietto, e si possono anche trovare all’interno del contratto di trasporto della compagnia aerea, visualizzabile sul portale web della stessa. Prima di viaggiare, il consiglio è dunque quello di esaminare le politiche della compagnia aerea per vedere quali compensazioni si possono effettivamente ottenere in caso di ritardo aereo.

I requisiti per ottenere il rimborso

Se il passeggero dalla compagnia aerea responsabile del ritardo del volo, non ottiene una risposta adeguata, o un rifiuto netto, può rivolgersi al sito www.flycare.eu utilizzando il form disponibile nelle pagine del sito, seguendo le indicazioni fornite nel sito stesso per compilarlo. Al giorno d’oggi moltissimi sono i passeggeri che restano bloccati in un’aerostazione a causa dei ritardi aerei superiori spesso alle 3 ore, e talvolta la causa è da addebitare a disagi dell’ente aeroportuale o alla compagnia preposta, che per svariati motivi, non riesce ad organizzare il volo in partenza per l’orario stabilito. Questa condizione è la prima e forse la più importante su cui si fonda il reclamo, specie quando durante l’attesa arrivano solo notizie frammentarie sulla situazione, senza che si riesca a capire a fondo l’orario della nuova partenza programmata, e ciò con notevoli disagi, e soprattutto con tanto stress per il passeggero in spasmodica attesa. I viaggiatori che subiscono ciò, hanno quindi diritto all’assistenza prima e al risarcimento dopo, il cui importo varia in base alla tratta aerea; infatti, sono previste 250 € per distanze pari o inferiori a 1500 km, 400 € per le tratte comprese tra i 1500 e i 3500 km, e 600 € per tutte le tratte dai 3500 km in su.