inAbruzzo | La pulizia professionale per avere denti sani e perfetti
11266
post-template-default,single,single-post,postid-11266,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,select-theme-ver-3.8.1,wpb-js-composer js-comp-ver-5.1.1,vc_responsive

La pulizia professionale per avere denti sani e perfetti

E’ un po’ il sogno di tutti avere denti sempre più bianchi e perfetti. Oltre ad una normale pulizia dentale attraverso l’azione dello spazzolino e del filo interdentale, è possibile eseguire altre metodologie per ottenere un risultato stupefacente. Ci sono rimedi commerciali, ovvero tutta quella serie di prodotti che si possono acquistare nella grande distribuzione e che promettono risultati soddisfacenti in brevissimo tempo; rimedi casalinghi, che fanno riferimento a piccoli “trucchi della nonna” a fronte di una spesa esigua; infine, rimedi professionali, con sedute programmate presso dentisti esperti o centri odontoiatrici specializzati, come ad esempio Cukon Dental.

Il rimedio professionale: i benefici

Considerando la lunga lista di rimedi per ottenere denti più bianchi e puliti, probabilmente quello più efficace è affidarsi alle mani esperte del dentista e alle sue attrezzature all’avanguardia. Avendo le nozioni specifiche e una consolidata esperienza in materia, il dentista dispone tutte le conoscenze tecniche e le capacità per eseguire questo tipo di trattamento, evitando l’insorgenza di infiammazioni acute, carie e gengiviti.

Come funziona la pulizia professionale

Di solito, chi vuole ottenere denti con una gradazione di bianco molto accesa, ricorre a metodi di sbiancamento fai-da-te o molto economici non proprio convenienti. Per combattere macchie di caffè e zone ingiallite  causa dei succhi industriali ricchi di zuccheri, si fa ricorso a gargarismi con acqua e limone oppure al bicarbonato di sodio. Purtroppo, però, queste pratiche, se non svolte in maniera accurata possono danneggiare seriamente la superficie dei denti, risultando addirittura controproducenti. Ad esempio, il bicarbonato di sodio con il suo potere sbiancante combatte egregiamente le macchie causate dal caffè e dal fumo ma, se assunto in dosi massicce, può deteriorare lo smalto dei denti, rovinandoli in modo irreversibile. Anche il limone può rivelarsi un nemico di denti e gengive con un uso improprio: la sua azione corrosiva può creare ipersensibilità e piccoli traumi gengivali.

Ecco spiegato il motivo per cui la pulizia professionale è il metodo più consigliato. Essendo una procedura terapeutica specifica, è utilissima per rimuovere incrostazioni ostinate di placca e tartaro presente sulla superficie dei denti e prevenire patologie dentali, come piorrea e gengiviti.

I vantaggi della pulizia professionale sono davvero molteplici. Oltre alla rimozione di placca e tartaro, il trattamento garantisce una pulizia accurata in profondità nella zona sub-gengivale. Inoltre, contribuisce a denti più sani e lucenti, sbiancando le fastidiose zone gialle e contrastando la formazione dell’alitosi.

Di norma, la seduta per la pulizia professionale viene eseguita un paio di volte all’ anno. E’ consigliabile non esagerare con i trattamenti per non incorrere in spiacevoli conseguenze negative, come il deterioramento dello smalto dentale e possibili infiammazioni. Se ci sono pazienti affetti da patologie abbastanza gravi, come denti storti e malocclusioni dentali, allora le sedute dal dentista possono essere più frequenti, almeno una volta ogni 3 mesi. La pulizia dentale professionale non provoca nessun dolore rilevante e viene eseguita senza anestesia locale, salvo diverse indicazioni. Ad esempio, alcuni pazienti soffrono di sensibilità dentale e, quindi, per non accusare dolori acuti e fastidi, necessitano di un’anestesia locale.