inAbruzzo | Palmoli: castello
5468
post-template-default,single,single-post,postid-5468,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,select-theme-ver-3.8.1,wpb-js-composer js-comp-ver-5.1.1,vc_responsive
Palmoli

Palmoli: castello

Palmoli (Ch), castello marchesale

Il castello di Palmoli (Ch)

Il castello si erge ai margini del centro urbano, collocato sulla cima di un rilievo sulla sponda destra del fiume Treste, e sorgerebbe sul sito di un antico complesso, originario presumibilmente del Medioevo. Il manufatto, nell’odierno aspetto, si presenta come la conseguenza di successive modifiche e la stratificazione complessa interessa gli studiosi e qualifica il centro urbano in modo significativo.

L’edificio è contraddistinto da una torre massiccia con pianta poligonale a scarpa, con un centro cilindrico coronato da merlature in mattone. Su ogni lato della torre poligonale si trovano delle finestre di forma rettangolare tranne che per un fianco sul quale si inserisce una costruzione in pietra a vista utilizzato come abitazione nobiliare.

L’ipotesi di un’occupazione del sito durante in età italica è affascinante ed è suggerita dalla collocazione strategica di Palmoli, a dominio della Valle del Treste e collocata in una zona di confine tra i Frentani e i Sanniti. Il luogo sul quale sorge il centro abitato è nominato nel Catalogus Baronum del 1100 come Palmulam, possedimento del feudatario del conte di Loreto, Philippus Grandenatus. Durante la prima metà del 1400 era proprietà di Paolo di Sangro e in seguito della famiglia Severino-Longo.

Tags: