Prendersi cura dei capelli? Bastano poche semplici regole
12931
post-template-default,single,single-post,postid-12931,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,select-theme-ver-3.8.1,wpb-js-composer js-comp-ver-5.1.1,vc_responsive

Prendersi cura dei capelli? Bastano poche semplici regole

 

Pettine sì, pettine no

Non preoccupatevi, non vi stiamo dicendo di abbandonare il pettine perché potrebbe danneggiare i vostri capelli! In realtà, una delle zone a cui non si dà abbastanza attenzione è proprio il cuoio capelluto. Da qui, infatti, si diramano migliaia di punti nervosi. Stimolando la cute si migliora la circolazione sanguigna, con il risultato di avere capelli più splendenti e in forma. Per farlo basta frizionare il cuoio capelluto (con una spazzola o con le mani) durante il lavaggio o prima dell’asciugatura. Il pettine, in sé, è un ottimo alleato, purché si usi quello adatto per il proprio tipo di capelli. Le mani, però, rimangono sempre la migliore scelta: particolarmente adatte per i capelli mossi o ricci, “aggiustare” i capelli con le mani aiuta a eliminare l’elettricità statica.

Piastra e phon

Si tratta di due strumenti da utilizzare con attenzione e parsimonia. Asciugare i capelli con il phon a temperature troppo alte rischia di indebolirli o addirittura di romperli. Stesso discorso per la piastra. Se non si fa attenzione, questo strumento può danneggiare i capelli. La regola generale è quella di non esagerare, e di utilizzare temperature alte per i capelli ricci o molto mossi (più difficili da domare) e temperature più basse per quelli lisci. La qualità dello strumento, poi, è fondamentale. I migliori modelli sono quelli dotati di tecnologie a ioni, e possibilmente in ceramica. Prima di acquistarla informatevi bene per cercare di capire quale tra i tanti modelli disponibili è il più adatto alle vostre esigenze. Qui potete trovare tantissimi consigli sulle migliori piastre.

La maschera: quando applicarla?

La maschera per capelli è uno dei trattamenti più utili per l’hair care. Va applicata sulle punte e lungo tutta la lunghezza del capello, e non sulla radice. Al contrario di quello che si potrebbe pensare la maschera non va sempre usata dopo ogni shampoo: la frequenza di applicazione dipende dalla struttura e dalle caratteristiche dei capelli. Per i capelli fini, non bisogna esagerare per non appesantirli eccessivamente. Quando i capelli sono fragili, invece, un trattamento quotidiano (limitato però a determinati periodi dell’anno) può aiutarli a recuperare robustezza e consistenza.

Colorazione e taglio

Sarebbe buona norma tagliare i capelli ogni 50-60 giorni. In questo modo se ne favorisce la rigenerazione, mantenendo allo stesso tempo la struttura del taglio che avete scelto. Inutile dire che per quanto riguarda il taglio bisogna rivolgersi a un hair stylist di fiducia che capisca le vostre necessità. Specialmente per quanto riguarda i capelli lunghi, nella costruzione del taglio è necessario saper lavorare sui volumi, evitando il fastidioso effetto “piatto”. La colorazione, invece, va effettuata utilizzando i prodotti adatti, per evitare di rendere opachi i capelli.