inAbruzzo | Salle
1162
post-template-default,single,single-post,postid-1162,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,select-theme-ver-3.8.1,wpb-js-composer js-comp-ver-5.1.1,vc_responsive

Salle

Salle

Frazioni

Salle Vecchia

Dati e curiosità

  • altitudine: 450 m s.l.m.
  • superficie: 21,61 km quadrati
  • nome degli abitanti: sallesi

Santo patrono: Beato Roberto

Festa patronale: 18 luglio

Fa parte di: Comunità Montana della Maiella e del Morrone e Parco Nazionale della Majella

Origine del nome

Dovrebbe derivare dall’unione del longobardo “Sal” (sala) con il francone “Halla” (mercato coperto).

Storia

  • Fine X secolo
    Il “Chronicon casauriense” vi data la fondazione del borgo medievale, attratto al tempo nell’orbita della’abbazia di S. Clemente a Casauria.
  • Periodo medievale
    Da sede longobarda, dopo il passaggio di questa zona al Regno di Sicilia, Salle finì nelle mani di feudatari laici.
  • XVI secolo
    Il Regno di Napoli fu conquistato dalla Spagna e ciò determinò prima la perdita di autonomia locale e poi l’abbandono di Salle.
  • XVII secolo
    Con l’avvento dei conti di Genua (1646), Salle riacquistò pian piano le sue funzioni; nel 1656 una terribile peste decimò e ridusse in miseria la popolazione.
  • XIX secolo
    Durante il decennio francese (1806-1816), Salle divenne un comune libero.
  • XX secolo
    Due eventi disastrosi, una frana (1915) e un terremoto (1933), distrussero il borgo originario di Salle Vecchia, che si trovava accanto al castello e di cui oggi sono visibili le rovine abbandonate. Salle Nuova venne edificata durante il periodo fascista e fu chiamata “Salle del Littorio”; dopo la fine della II Guerra Mondiale divenne solamente “Salle”.

Da visitare

Chiesa di San Salvatore

Si trova sulla piazza del paese nuovo. In seguito al terremoto del 1915 infatti il borgo antico, distrutto, venne ricostruito a valle . La chiesa è quindi di quell’epoca e conserva infatti gli stilemi dell’architettura contemporanea tipica dell’era fascista. All’interno conserva le reliquie del patrono Roberto da Salle, beato.

Castello

castello di salle

E’ ubicato nel borgo di Salle vecchia ed è contornato infatti dai ruderi delle case antiche dirute. Le prime menzioni storiche risalgono a prima dell’XI secolo Presenta una struttura quadrangolare, irregolare, con piccole torri che scandiscono le mura perimetrali, merlate. L’ingresso è affiancato da una grossa fontana cinquecentesca dotata di tre cannelle e tre grossi mascheroni che gettano acqua nella vasca sottostante.

Museo Civico del Castello

castello di salle

Alcune sale del piano terra del castello sono adibite a Museo e contengono numerose armature e armi medievali, documenti storici come una copia del Chronicon Casauriense, incartamenti della casa dei Borbone, elementi di araldica, paramenti religiosi e una rassegna di foto di Salle Vecchia. Su prenotazione possono essere visitati anche i saloni privati.

Immagini di Salle

Articoli culturali

cerca articoli culturali su Salle in Cultura inAbruzzo

Eventi

17-18 luglio

Festa del Beato Roberto da Salle e I Palmentieri. Il 18 luglio si festeggia il patrono Beato Roberto e la domenica precedente viene rappresentata la cosiddetta Festa dei Palmentieri. Il nome deriva dalla presenza di doni di vario genere che vengono appesi su rami di querce con fiori e addobbi e rastrellati in ogni casa da un gruppo di abitanti accompagnati da un’orchestra. I doni vengono portati in processione nella piazza grande e lì venduti in un’asta che vedrà il ricavato donato al santuario del Beato Roberto.

Secondo fine settimana di luglio

Sagra della Pasta e Fagioli. Si realizza nel paese nuovo con la produzione della tipica pasta e fagioli secondo la ricetta locale accompagnata da festeggiamenti e musica folcloristica.

Informazioni turistiche

Municipio
Piazza Beato Roberto 5
tel. 085-928138 Fax085 928149

Museo Borbonico
tel. 085.928265
giovedì-sabato 15.00-19.00; domenica 10.00-13.00/15.00-19.00

Tags: