inAbruzzo | Sant’Eufemia a Majella
1158
post-template-default,single,single-post,postid-1158,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,select-theme-ver-3.8.1,wpb-js-composer js-comp-ver-5.1.1,vc_responsive

Sant’Eufemia a Majella

Sant'Eufemia a Majella

Frazioni

Roccacaramanico

Dati e curiosità

Storia

  • 1064
    Le origini risalgono probabilmente al 1064, anno in cui il conte Berardo, fece una donazione di terreno all’Abbazia di San Clemente a Casauria.
  • 1140; 1301; 1306
    Nei documenti è menzionata sotto il nome di Santa Fumia.
  • Rinascimento
    Nei secoli seguenti visse sotto l’ala protettrice dell’abbazia di S. Clemente a Casauria e poi come frazione condivide le sorti di Caramanico nei vari avvicendamenti feudali: passò dal dominio dei conti Arcucci di Minervino fino a quello dei principi d’Aquino, sotto i quali rimane fino alla caduta del Regno di Napoli.
  • 1834
    Il comune acquistò autonomia amministrativa, distaccandosi da Caramanico.
  • 1929
    Conseguì l’attuale assetto territoriale, quando Roccacaramanico cessò di essere comune autonomo.

Da visitare

Immagini

Articoli culturali

cerca articoli culturali su Sant’Eufemia a Majella in Cultura inAbruzzo

Produzioni tipiche

Eventi

Ricettività

Informazioni turistiche