inAbruzzo | Montagna estiva: Massiccio del Sirente – Velino
560
post-template-default,single,single-post,postid-560,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,select-theme-ver-3.8.1,wpb-js-composer js-comp-ver-5.1.1,vc_responsive

Montagna estiva: Massiccio del Sirente – Velino

Massiccio del Sirente - Velino: guida turistica

Luoghi turistici tra il Sirente e il Velino

In questo comprensorio l’ efficienza delle strutture ricettive, presenti soprattutto ad Ovindoli e Rocca di Mezzo si unisce al rispetto dell’ambiente, che permette di intraprendere numerosi percorsi escursionistici.

Altopiano delle Rocche

Ne è un esempio l’Altopiano delle Rocche , dove è possibile dedicarsi a delle rilassanti escursioni a piedi, a cavallo, grazie anche alle strutture per l’equitazione molto presenti nella zona e in MTB, per la presenza di strade pianeggianti. Da Rocca di Mezzo, seguendo la strada che scende a Secinaro si arriva al suggestivo pianoro dei Prati del Sirente. Si tratta di un’ampia distesa di prato verde ai piedi del Sirente, caratterizzata dalla presenza di un singolare laghetto di forma circolare, la cui origine si ipotizzò fosse derivata dalla caduta di un meteorite. Sebbene questa ipotesi sembra poco attendibile in seguito ai recenti studi, il laghetto rimane comunque un luogo suggestivo.

Piani di Pezza

Da Rocca di Mezzo e da Rovere e Ovindoli, si giunge nella conca naturale dei Piani di Pezza, un luogo senza tempo dove ci si può avventurare liberamente a piedi, a cavallo o con la MTB. Numerosi sono gli itinerari da seguire. Tra questi il più interessante è quello che sale fino al rifugio Sebastiani, a oltre 2000 metri. Altrettanto suggestiva è la valle che da Ovindoli conduce fino ai Prati di Santa Maria, coperta di boschi lungo entrambi i lati è un vero paradiso naturale adatto anche per tranquille passeggiate in famiglia. Qui spesso i cavalli vengono a pascolare in libertà e i colori autunnali ne fanno uno scenario di straordinaria bellezza.

Versante est

Sul versante nord, lungo la strada che scende verso l’Aquila, si trovano numerosi borghi dell’area di Ocre, come San Felice, San Panfilo e San Martino, ma anche la bella Fontavignone, dominati da un grande castello, il celebre castello d’Ocre, e ricchi di numerose altre attrattive monumentali.

Verso il Fucino

Dal versante meridionale si scende invece verso Celano, dove si trova un imponente castello, numerosi ristoranti e alloggi, e si può raggiungere la stretta d emozionante forra delle Gole di Celano, ideale per una escursione nella natura più selvaggia. A poca distanza, sulle pendici del Velino, si trovano le rovine della città romana di Alba Fucens e la chiesa medievale di Santa Maria in Valle Porclaneta.

Ricettività nel massiccio del Sirente – Velino

Gli alberghi di Ovindoli e Rocca di Mezzo non sono le uniche proposte ricettive della zone. Si aggiungono anche B&B, agriturismi e case in affitto e ancora ristoranti e locande che oltre che nei due centri principali si trovano anche a Rovere e Rocca di Cambio.

Tags: