inAbruzzo | Tatu
2304
post-template-default,single,single-post,postid-2304,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,select-theme-ver-3.8.1,wpb-js-composer js-comp-ver-5.1.1,vc_responsive

Tatu

Tatù

Tatu

La caratteristica di questo dolce, che risulta essere il più tradizionale e famoso di Bisenti, è la durezza del biscotto. Durissimo appena fatto, ma che diventa sempre più morbido con il passare del tempo; un tempo di conservazione che arriva a dodici mesi, se tenuti in un posto fresco e dentro un vaso di vetro. Il Tatù, il dolce tipico locale che ha reso famosa Bisenti, ha questa particolarità che lo rende unico. Ideato in tempi medievali da un pasticcere di corte in occasione di un matrimonio di un membro della nobile famiglia degli Acquaviva, a quel tempo signori di queste terre. I suoi ingredienti, genuini e locali, sono il miele, le uova, farina di grano tenero macinata a pietra, mandorle, cannella, cacao, zucchero e limone. In questi ultimi anni i bravi maestri pasticceri bisentini stanno perfezionando la ricetta, inventando deliziose variazioni come quelli confezionati sotto rum.

Ricetta dei Tatù

Ingredienti per sei persone

  • 1 chilo di farina bianca
  • 500 grammi di zucchero
  • 1 kg di miele
  • 250 grammi di cacao misto con cioccolato fondente
  • 6 tuorli d’uovo
  • 1 bicchiere di vino cotto o marsala
  • 800 grammi di mandorle tostate e tritate
  • 2 bustine di cannella
  • la buccia grattugiata di un limone

Ingredienti per la glassa

  • 200 grammi di cioccolato fondente
  • 400 grammi di zucchero
  • acqua calda quanto basta

Preparazione

Tagliare a tocchetti il cioccolato e metterlo nella casseruola con lo zucchero e con 2 bicchieri d’acqua; far cuocere a fuoco basso; ottenuto l’amalgama, alzare la fiamma e mescolare; poco dopo che il composto avrà fatto le bollicine, togliere dal fuoco; quindi disporre la farina a fontana sulla spianatoia; lavorare la pasta, aggiungendo i tuorli d’uovo e via via tutti gli altri ingredienti, tranne il vino cotto (o il marsala), per 30 minuti circa, sinché il composto non diventi liscio ed omogeneo; a questo punto aggiungere il vino; tagliare, uno alla volta, un pezzo di pasta e allungarlo con le mani; dargli la forma di un rombo; porre al forno sulle placche, a calore moderato, e ritirare dopo una decina di minuti; spalmare la glassa sui Tatù con un coltello o con una spatola.

Tags: