Turismo in Abruzzo
Registra la tua struttura
Area Riservata

Abruzzo, il paese che fu salvato da un giovane coraggioso: la leggenda del suo gesto

Stai programmando di andare in Abruzzo?

Prenota il tuo soggiorno in Abruzzo

 Il coraggio di un giovane che portò alla salvezza della città: vi raccontiamo questa fantastica leggenda celebrata ancora oggi.

Sospesa tra l’azzurro del cielo e il turchese del mare Adriatico, Silvi emerge come un gioiello incastonato lungo la costa italiana. Essa accoglie i visitatori con il suo mix affascinante di storia, cultura e tradizione. Questa pittoresca località, situata nella regione dell’Abruzzo, vanta una ricca storia che si intreccia con leggende suggestive e celebrazioni radicate nel tessuto stesso della comunità.

la leggenda della città di Silvi
Questa città celebra ogni anno una festa che nasce da una grande leggenda – Inabruzzo.it

Silvi è una città che risplende di fascino mediterraneo, con le sue spiagge dorate che si estendono per chilometri, bagnate dalle acque cristalline dell’Adriatico. La sua posizione strategica, affacciata sul mare e abbracciata dalle colline dell’entroterra, le conferisce una bellezza senza tempo. Ma al di là della sua affascinante cornice paesaggistica, Silvi è intrisa di storia. Una storia che si manifesta nelle sue antiche strade lastricate e nei suoi edifici dal carattere distintivo. Tra le sue gemme più luminose spicca un evento che si tiene ogni anno e che onora la protezione divina e il coraggio di un giovane.

La leggenda del giovane coraggioso

Questa celebrazione, tenuta ogni anno nell’ultima domenica di maggio, è dedicata a San Leone, il patrono della città. Essa trae origine da una leggenda che affonda le sue radici nel 1400, durante le tempestose invasioni turche lungo l’Adriatico. Fu allora che San Leone, patrono della città, rivolse il suo sguardo verso un giovane coraggioso, ispirandolo a affrontare gli invasori. Il Santo suggerì al giovane di armarsi con un fascio di canne infuocato. Incredibilmente, il fascio emanò una luce così intensa che costrinse i pirati turchi a ritirarsi, salvando così la città di Silvi da una sicura distruzione. Oggi, la festa di Lu Ciancialone è l’espressione tangibile di questa leggenda che ha attraversato i secoli, mantenendo viva la memoria di quel coraggioso giovane e la salvezza miracolosa della città.

quando si celebra la festa
la festa di Lu Ciancialone si celebra ogni ultima domenica di maggio – Inabruzzo.it

La celebrazione di Lu Ciancialone prende vita con la raccolta di numerose canne. Queste, una volta legate insieme, formano un imponente cilindro alto ben 10 metri. Questa gigantesca struttura, chiamata Lu Ciancialone, è poi eretta verticalmente nella piazza principale, pronta a essere accesa. Quando il fuoco avvolge le canne, la folla si scatena in un tripudio di canti e balli, dando vita a una notte magica e indimenticabile. Questo spettacolo di fuoco diventa il centro di unione per cittadini e turisti. Crea un’atmosfera di gioia e appartenenza che si propaga attraverso la storia e la tradizione.

Lu Ciancialone non è solo un evento di intrattenimento; è una testimonianza della forza delle tradizioni popolari che, attraverso i secoli, hanno resistito al passare del tempo. La festa non solo commemora la leggenda di San Leone e il coraggio del giovane che ha affrontato i pirati turchi. Essa rappresenta anche un modo per la comunità di Silvi di rafforzare il proprio legame con la storia e le radici della città. Oltre alla dimensione storica e religiosa, Lu Ciancialone ha anche un impatto significativo sul turismo locale. I visitatori affluiscono da ogni parte per essere parte di questo evento unico nel suo genere. Essi sono curiosi non solo di assistere a una tradizione secolare, ma anche di vivere un’esperienza autentica e coinvolgente.

La fiamma che danza al centro di Lu Ciancialone diventa un simbolo di speranza e rinascita per la città di Silvi. La comunità si unisce per celebrare la propria identità, la forza delle proprie radici e la protezione divina che li ha preservati nel corso della storia. La festa non è solo una commemorazione del passato, ma un rinnovato impegno per il futuro. Essa è un richiamo alla resilienza e alla determinazione che caratterizzano la comunità di Silvi.

Impostazioni privacy