Aprono le porte bellissime dimore storiche: ecco quando e dove potete visitarle

Riaprono le dimore storiche nel Chietino. L’appuntamento è segnato per il 26 maggio, l’ultima domenica del mese. L’evento è organizzato da Adsi. Ecco cosa vedere.

L’Abruzzo, terra di meraviglie inestimabili, pezzi di storia che è bello veder brillare di tanto in tanto, si appresta ad accogliere schiere di turisti e curiosi, per uno degli eventi che già gli scorsi anni aveva destato curiosità e ammirazione. L’Adsi (Associazione Dimore Storiche Italiane) riaprirà i battenti di ben 550 dimore storiche sparse in tutta Italia e, tra queste, vi saranno anche delle dimore del Chietino. 

Riaprono le dimore storiche foto IG radioparco inabruzzo.it
Riaprono le dimore storiche foto IG radioparco inabruzzo.it

L’appuntamento è fissato per domenica 26 maggio, l’ultima domenica del mese. Oltre all‘Adsi, a occuparsi dell’organizzazione dell’evento saranno l’Associazione Nazionale Case della Memoria, la Federazione Italiana Amici dei Musei (Fidam) e Federmatrimoni ed Eventi Privati (Federmep). L’evento è inoltre patrocinato da  Enit – Agenzia Nazionale del Turismo e dalla Commissione Nazionale Italiana per l’Unesco. Ma cosa vale la pena visitare?

Ecco cosa vedere

Ci si prepara dunque a un’immersione nel patrimonio privato italiano, estremamente vasto, fatto di dimore risalenti a epoche tutte diverse, ognuna con un certo grado di fascino che, attraverso la cura e i restauri negli anni, sono potute tornare a essere dei pezzi di storia di cui non si può più fare a meno e che meritano la giusta attenzione. Avere una tappa di questo bel viaggio, nel Chietino, è sicuramente motivo di vanto e orgoglio per tutti gli abitanti della zona.

Cosa vedere e come prenotare foto IG daitrabocchiallamaiella inabruzzo.it
Cosa vedere e come prenotare foto IG daitrabocchiallamaiella inabruzzo.it

Ma qui viene la parte difficile: trattandosi di un solo giorno, in cui queste splendide dimore saranno visitabili, quali vale la pena visitare? Beh, scegliere è davvero difficile dato che ognuna ha un suo perché. Di seguito dunque, vedremo quali sono le opzioni a disposizione dei visitatori. Si parte con Palazzo Sipari, dimora dell’onorevole Erminio Sipari, fondatore del Parco Nazionale d’Abruzzo, nonché casa natale dello stimato filosofo Benedetto Croce.

Si continua con Palazzo Vitto Massei, anche questa una dimora che ha avuto il piacere di vedere passare un pezzo d’Italia molto importante: era il 1832 quando Ferdinando II re delle Due Sicilie vi fu ospitato. Più di recente, nel settembre 2022, ha accolto alcuni membri della famiglia reale olandese durante la loro visita in Abruzzo.

Altra dimora che merita un giusto grado d’attenzione è Palazzo Mayer, fatto costruire da Michelangelo Mayer nel 1835 e, al cui interno, è possibile trovare la suggestive chiesetta di Sant’Antonio Abate ceduta ai Mayer dal comune di Fossacesia. Se volete essere tra i visitatori di questi splendidi luoghi, vi ricordiamo che è necessario prenotare la propria visita e, per farlo, potete visitare questo sito. 

 

Impostazioni privacy