Turismo in Abruzzo
Registra la tua struttura
Area Riservata

Diagnosi impietosa, si rompe il legamento crociato: stop lunghissimo

Stai programmando di andare in Abruzzo?

Prenota il tuo soggiorno in Abruzzo

Ancora una volta la sfortuna si materializza per uno sportivo famoso: infortunio gravissimo, la sua stagione è già finita

C’è un avversario speciale per tutti gli sportivi, non importa se pratichino sport di squadra o individuali, e si chiama fisico. Perché mai come negli ultimi anni ci sono tre parole che spengono i sogni dei tifosi: rottura del crociato ed è successo di nuovo.

Tifosi in lacrime c'è un nuovo infortunio: è ufficiale
Tifosi in lacrime c’è un nuovo infortunio (Ansa Foto) – Inabruzzo.it

Un tributo che i calciatori stanno pagando sempre più spesso. Senza andare a scomodare casi clamorosi, come quello di Nicolò Zaniolo che ci è passato due volte nel giro di un anno, altre Nazionali e club hanno dovuto fare i conti con la sfortuna.

Come il Brasile, che ha perso almeno fino a giugno Neymar. Lo scorso ottobre, impegnato nelle qualificazioni per i Mondiali 2026 contro l’Uruguay, il crack improvviso e lo stop. La diagnosi è apparsa chiara fin da subito: rottura del legamento crociato anteriore e del menisco del ginocchio sinistro.

Passati pochi giorni ed è toccato a Gavi, nuova stella della Spagna impegnato contro la Georgia nelle qualificazioni a Euro 2024. Il centrocampista del Barcellona è crollato a terra dolorante e anche per lui è arrivata la diagnosi peggiore: lesione al crociato anteriore. Un infortunio che sta diventando troppo comune, per carichi di lavoro sempre più pesanti e per impegni sempre più pressanti.

Si rompe il legamento crociato: la sua stagione è già finita, tifosi distrutti

Ma non è solo un problema legato al calcio, perché anche negli altri sport accadono questi infortuni e gli sciatori in questo sono in prima linea. A fine 2023, impegnato nella discesa di Coppa del Mondo a Bormio, il campione austriaco Marco Schwarz ha rimediato la rottura del legamento crociato e del menisco mediale. In più, danni alla cartilagine del ginocchio.

Coppa del Mondo sci infortunio
Coppa del Mondo di sci, gli infortuni continuano (Ansa Foto) – Inabruzzo.it

La settimana scorsa invece si sono procurati lo stesso infortunio, ma a Wengen, lo svizzero Marco Kohler e soprattutto il francese Alexis Pinturault, vittima di una terribile caduta in SuperG. Rottura del legamento crociato anteriore del ginocchio sinistro, ma il suo volo aveva fatto temere problemi ancora peggiori. E per una caduta in Coppa Europa è successo anche ad Anita Gulli, slalomista azzurra di Coppa del Mondo che ora salterà il resto della stagione.

Finita qui? No, perché la sfortuna è tornata a materializzarsi sotto forma di beffa. Erano in 35mila a Jasna, in Slovacchia, per il weekend di Coppa del Mondo a tre anni di distanza dall’ultima volta. E molti di loro, con una missione, sostenere l’idolo di casa Petra Vhlova.

Invece la vincitrice della Coppa generale nel 2021 è scivolata dopo nove porte e nel tentativo di tirarsi su ha fatto ruotare malamente il ginocchio destro. Tutti hanno capito subito che si trattava di un problema serio, anche perché Petra è stata portata via in toboga e subito all’ospedale.

Petra Vhlova, quanta sfortuna davanti al suo pubblico: verdwetto terribile
Petra Vhlova, quanta sfortuna davanti al suo pubblico (Ansa Foto) – Inabruzzo.it

Il responso è arrivato come una mazzata: rottura del legamento crociato anteriore e del collaterale mediale del ginocchio destro. Significa stagione finita e pensiero che andrà ai Mondiali di Saalbach del prossimo anno. “Grazie a tutti per l’enorme sostegno, credo di poter affrontare tutto, lotterò per tornare sugli sci il prima possibile“, ha scritto lei sui social nelle ore successive rendendosi conto dell’affetto generale.

Impostazioni privacy