Nino Frassica, quel retroscena mai rivelato prima: “Ero senza lavoro…”

Nino Frassica ha raccontato un retroscena decisamente inaspettato sul suo passato: l’attore non lo aveva mai svelato prima.

Nino Frassica è un comico, un attore e un conduttore televisivo di grande talento. Nel corso della sua lunga carriera ha fatto parte di numerose trasmissioni e ha recitato, sia al cinema che in televisione, spesso da protagonista. L’ultimo film che l’ha visto presente nel cast si intitola Pare parecchio Parigi, di Leonardo Pieraccioni, dove interpreta Arnaldo: è uscito nelle sale italiane il 18 gennaio 2024 e vede la presenza dello stesso regista, insieme ad altri nomi importanti.

nino frassica retroscena lavoro
Nino Frassica, lo ha raccontato dopo anni (inabruzzo.it)

Dal 2015 fa parte del cast fisso del programma Che fuori tempo che fa, spin-off di Che tempo che fa. Questa rubrica domenicale di Fabio Fazio, in cui l’attore presenta i vari numeri della fittizia rivista Novella Bella, ha avuto così grande seguito, tanto da averlo spinto a pubblicare un libro dallo stesso titolo. Oggi Frassica è uno degli attori più amati in assoluto, ma a quanto pare, la sua carriera è iniziata in modo del tutto inaspettata e particolare.

Nino Frassica, la confessione è inaspettata: il comico ha raccontato un retroscena che non aveva mai rivelato prima d’ora

La carriera di Nino Frassica, oggi, è ricchissima di esperienze: ha lavorato in televisione e al cinema, soprattutto come attore e comico. Tutto, però, è iniziato quasi per caso, dato che, quando era giovanissimo, non aveva un lavoro e non lo stava cercando. È successo in maniera inaspettata, come lui stesso ha raccontato sulle pagine de Il Giornale. Ripercorrendo gli esordi del suo lavoro, ha infatti rivelato che forse tutto è nato al bar.

nino frassica retroscena
Nino Frassica, la rivelazione che nessuno si aspettava (Foto Ansa) inabruzzo.it

Forse tutto è nato al bar. Non avevo un lavoro, non che lo cercassi e stavo ad aspettare chissà che cosa, oziando”, ha esordito, spiegando che scherzando con gli amici e i presenti intorno a lui ha poi capito che quel fare gli spiritosi poteva essere studiato e usato per fare teatro. In seguito, l’attore ha preso in gestione una discoteca e nel locale intratteneva il pubblico al microfono: “Ero un animatore dilettante, però facevo già ridere”. Come studente, invece, organizzava spettacoli, scriveva e recitava.

Ad un certo, punto, però, decise di dover fare di più e quindi cercò di mettersi in contatto con Renzo Arbore: “Avevo scoperto dove abitava. Quindi risalii al numero di telefono e iniziai a lasciargli dei piccoli messaggi in segreteria, per farlo ridere”. E a quanto pare, quelle telefonate servirono, dato che il cantautore lo richiamò e da quella chiacchierata è nata la loro grande collaborazione: “Sono passato da dilettante a professionista“.

Impostazioni privacy