Turismo in Abruzzo
Registra la tua struttura
Area Riservata

Olio, come riconoscere il vero extravergine: non basta l’etichetta per non farsi ingannare

Stai programmando di andare in Abruzzo?

Prenota il tuo soggiorno in Abruzzo

Per riconoscere l’olio extravergine ed essere sicuri c’è un modo ben preciso e prescinde dalla sola etichetta: ecco di che si tratta. 

Si pensa di poter esser certi di acquistare un olio extravergine solo perché la dicitura è riportata nell’etichetta posta sulla bottiglia, ma in realtà non sempre questo corrisponde al vero. Purtroppo ci sono casi di olio contraffatto. Si tratta di bottiglie con un prezzo generalmente basso e perciò particolarmente interessante e appetibile, soprattutto in tempi di rincari.

riconoscere olio extravergine oliva
Come riconoscere l’olio extravergine di oliva – inabruzzo.it

Ma è importante prestare attenzione per accertarsi di comprare davvero ciò che si vorrebbe, ovvero realmente un olio extravergine di oliva. Gli oli che si presentano sotto questo nome e in realtà non lo sono vengono realizzati con oli di semi peraltro di scarsa qualità uniti a clorofilla e betacarotene. Questi ultimi hanno la funzione di alterare il colore e farlo apparire del tutto simile all’olio extravergine di oliva.

Anche il sapore in parte viene camuffato, e il costo è di certo nettamente inferiore a quello originale. Ciò che può sembrare un’offerta super conveniente si rivela una sorta di truffa. Un caso del genere è scoppiato recentemente a Roma. La Procura della Repubblica ha aperto un’inchiesta per individuare le responsabilità a monte.

Come capire se è vero olio extravergine di oliva anche se non si è esperti

Questa truffa non riguarda però oli in vendita al supermercato, ma in uso in ben 50 ristoranti che finora sono stati interessati dalla situazione. Qual è il modo per accertarsi che l’olio sia effettivamente extravergine di oliva? Se non si è esperti conoscitori del settore oleario e non sono stati fatti studi specifici in materia, come accorgersi e capire?

riconoscere olio extravergine oliva
Il criterio per capire se un olio è davvero extravergine di oliva – inabruzzo.it

Un comune consumatore, che non può ovviamente effettuare analisi e determinare le caratteristiche organolettiche che presenta l’olio in bottiglia dovrà puntare su un criterio molto più semplice, ma che è abbastanza sicuro per l’individuazione. Sostanzialmente bisogna considerare il prezzo. Al giorno d’oggi, valutando le condizioni di produzione e di mercato attuali, è impossibile trovare un olio extravergine d’oliva, a prezzo basso.

Un olio che garantisca caratteristiche di purezza, non può essere al di sotto di 8,50 euro a bottiglia. In alcuni supermercati ci possono essere offerte temporanee che abbassano il prezzo e si aggirano intorno ai 6 euro per lo stesso prodotto, ma sono appunto limitate nel tempo. Il prezzo di quell’olio dopo il breve periodo dell’offerta tornerà a salire e a stabilirsi oltre gli 8 euro.

Inoltre è meglio evitare gli oli in bottiglie di vetro trasparenti perché producono un deterioramento del prodotto e sono sempre da preferire quelle che riportano le etichette con il riconoscimento Igp o Dop: è una garanzia che determina la sicurezza.

Impostazioni privacy