“Qualcosa di sospetto ai polmoni o nel sangue”, Re Carlo: non solo il tumore

Le ipotesi e speculazioni sul vero stato di salute di re Carlo erano inevitabili e adesso spuntano alcune considerazioni dichiarate da medici specializzati.

Sicuramente nessuno si aspettava che il Sovrano, dopo un anno appena dall’incoronazione, fosse costretto ad annunciare una grave malattia, il tumore che sembra l’abbia colpito alla prostata.

sospetti tumore di carlo polmoni o al sangue
Le ipotesi sul tumore di Re Carlo non sono confortanti – Inabruzzo.it

Tutto il Regno è in apprensione, perché non si sa se re Carlo voglia abdicare, e se anche avesse avvertito questa necessità adesso sarebbe il momento più sbagliato, a causa delle condizioni di salute della principessa Kate.

Oltre al dramma che tutta la Royal Family sta vivendo, proprio iniziando dalla malattia del Sovrano, adesso spuntano nuove inquietanti ipotesi su cosa sia successo davvero a Carlo.

La situazione è peggio di quello che si pensa: spuntano preoccupanti teorie sul vero problema di salute di Re Carlo

La notizia del tumore di Carlo ha sicuramente scombussolato al serenità della Famiglia Reale, anche se il Sovrano stesso aveva annunciato di aver già iniziato la terapia e di stare bene.

carlo sta peggio di quello che si dice
Forse il problema di salute del Sovrano è peggiore di quanto si dica – Inabruzzo.it

La comunicazione era giunta dopo un intervento alla prostata, e dopo le dimissioni del Sovrano dalla clinica, che lo aveva curato per un’operazione definita di routine.

Ma sono emerse altre informazioni su quello che sarebbe il suo vero stato di salute, e arriverebbero da medici esperti che ipotizzano come siano andate le cose. A dire la sua p, tra gli altri, un noto urologo, Gabriele Antonini, che ha spiegato che “quando una persona importante come lo è il re del Regno Unito deve fare un’operazione alla prostata, viene sottoposto a una serie di accertamenti in cui è difficile riscontare tumori in altre zone del corpo“. Ergo secondo la sua opinione il tumore avrebbe colpito proprio la prostata.

Lo stesso esperto però, ricorda che la scoperta del cancro potrebbe essere avvenuta in altre circostanze, e quindi non in concomitanza dell’operazione alla prostata. Ad esempio tramite qualche esame di screening preventivo, o tramite un esame del sangue. In questo caso i medici potrebbero aver scoperto un tumore ai polmoni effettuando una semplice radiografia, oppure la presenza di un tumore a seguito di un valore sospetto dei globuli bianchi e quindi di possibile leucemia.

Anche se le ipotesi dell’urologo non sono ovviamente confermate da nessuna fonte ufficiale, sono comunque teorie attinenti e verosimili. Il timore, dunque, è che il problema alla prostata di re Carlo sia quello minore. La speranza è che comunque la Corona riesca a superare questo momento davvero difficile.

Impostazioni privacy