Una risposta sbagliata al telefono e la bolletta si gonfia

Un semplice sì al telefono con un call center può diventare un rischio: attenti alla nuova truffa. 

Ricevere una chiamata da un call center e pronunciare un semplice sì può farvi diventare vittime di una vera e propria truffa. La registrazione della risposta può essere tagliata e montata ad hoc per simulare l’attivazione di un contratto di luce e gas.

Una risposta sbagliata al telefono e la bolletta si gonfia
Una risposta sbagliata al telefono e la bolletta si gonfia – inabruzzo.it

La notizia arriva da Fanpage, che specifica che il malcapitato si accorge di essere stato vittima della truffa solo quando arriva a casa la prima bolletta. Le vittime di questa truffa, spiega il sito, sono aumentate nell’ultimo anno.

Il motivo? Tutti i cittadini in Italia dovranno passare dal regime tutelato al mercato libero. Nel caso del gas a partire dal 10 gennaio e per l’elettricità da luglio. Secondo le stime sono circa 15 milioni i consumatori che dovranno rivedere il loro piano tariffario e i call center stanno cercando di intercettare nuovi clienti. Ovviamente non tutti i call center sono disonesti, ma può capitare di ricevere telefonate da truffatori che cercano di far cadere i cittadini nella loro trappola.

Una risposta sbagliata al telefono e la bolletta si gonfia: come funziona la truffa

Quando ricevete la telefonata dal call center, vi viene chiesto ad esempio: “Parlo con il signor xx?”. Quel sì che rispondete viene utilizzato come assenso alla firma del contratto. I truffatori, fingendosi operatori che chiamano per conto del gestore delle utenze, spiegano che stanno cambiando le condizioni contrattali e propongono un’alternativa.

Vi verrà poi chiesto il codice Pod nel caso del contratto della luce e il codice Pdr nel caso del contratto del gas, che sono presenti sulle bollette. A quel punto useranno il vostro sì iniziale per sottoscrivere il contratto che è molto costoso.

Come difendersi dalla truffa

Come difendersi? Evitando di dire i propri dati personali come codice fiscale, Iban, e codici della bolletta. E stando attenti a non rispondere sì quando vi chiedono conto della vostra identità.

Call center
Call center – inabruzzo.it

Come capire se si tratta di una truffa

Come fare a capire se è una truffa? Ad esempio, chiedendo il nome dell’operatori, il suo codice e la società per cui lavora.

Cosa fare per rescindere il contratto

Se siete già finiti nella rete dei truffatori, dovreste inviare una raccomandata con ricevuta di ritorno all’azienda del servizio per porre fine immediatamente al contratto. E rivolgersi a un avvocato per dimostrare che siete stati truffati.

Il registro delle opposizioni

C’è un modo per evitare il telemarketing selvaggio: è il registro delle opposizioni.

Impostazioni privacy