Turismo in Abruzzo
Registra la tua struttura
Area Riservata

Uno dei più controversi personaggi della Storia, sarebbe abruzzese: il mito dietro all’oggetto ritrovato

Stai programmando di andare in Abruzzo?

Prenota il tuo soggiorno in Abruzzo

Ponzio Pilato, un presunto abruzzese? Ecco la storia tra leggenda e realtà che farebbe pensare che Pilato possa essere abruzzese.

Ponzio Pilato è una figura storica avvolta nell’ombra dei secoli. Ma si fa protagonista di una teoria affascinante che lo collega all’Abruzzo, terra dai mille misteri e tradizioni secolari. L’ipotesi, nata nel 1580 durante il periodo della dominazione spagnola, si basa su un rinvenimento straordinario nelle rovine della antica città di Amiternum.

Ponzio Pilato potrebbe essere abruzzese
Alcune scoperte legano Ponzio Pilato all’Abruzzo – Inabruzzo.it

Secondo questa suggestiva teoria, Ponzio Pilato potrebbe essere stato abruzzese di nascita. Si afferma che egli appartenesse alla famiglia sannita dei Ponti, con radici profonde in questa regione. La storia racconta che uno dei suoi antenati avrebbe partecipato alla congiura contro Giulio Cesare. Poi, in seguito all’esilio, si sarebbe stabilito a Bisenti, nella provincia di Teramo, dove Pilato sarebbe nato e cresciuto.

Bisenti, nota come la Palestina Picena, aveva una comunità vivace di ebrei e filistei, che portavano avanti antiche tradizioni giudaiche. In questa regione, si parlava addirittura l’aramaico, la lingua comune tra i popoli della Palestina dell’epoca. Questo background culturale e linguistico avrebbe giocato un ruolo determinante nella scelta di Ponzio Pilato come prefetto della Giudea sotto il regno di Tiberio.

Le scoperte archeologiche a sostegno della teoria

A supporto di questa teoria, si è scoperta l’esistenza di una vecchia Domus romana a Bisenti. La Domus è datata al Medioevo ma con tracce di un’originaria struttura romana. Alcuni studiosi ipotizzano che questa casa potrebbe essere stata la dimora di Pilato. Essa potrebbe rappresentare una sorta di legame tangibile tra l’Abruzzo e uno dei personaggi più controversi della storia. La storia prende un’altra piega interessante quando si parla di uno scrigno rinvenuto ad Amiternum durante il periodo spagnolo.

Ponzio Pilato e lo zafferano
La tradizione vuole che sia stato Pilato ad importare lo zafferano in Italia – Inabruzzo.it

Si narra che all’interno di questo scrigno fosse conservata la condanna a morte di Cristo. Pare che sia stata portata proprio da Pilato nel suo viaggio di ritorno. Tuttavia, l’autenticità di questo reperto è stata messa in discussione. La sua reale provenienza e scopo rimangono avvolti nel mistero. Una copia di questa presunta sentenza di condanna è conservata nell’archivio di Stato di Spagna, su volontà di Filippo II. Questo dettaglio aggiunge un ulteriore elemento intrigante alla storia di Pilato e al suo presunto legame con l’Abruzzo.

Un elemento curioso, sebbene controverso, è il collegamento tra Ponzio Pilato e lo zafferano. Lo zafferano è noto come l’oro d’Abruzzo. Secondo la tradizione, Pilato avrebbe importato questa preziosa spezia dall’Oriente durante il suo viaggio di ritorno. Sebbene questa teoria sia avvolta da un alone di leggenda, non possiamo ignorare la possibilità che personaggi storici abbiano contribuito a diffondere usanze e prodotti in epoche lontane.

L’intera narrazione potrebbe essere considerata una fusione di storia e leggenda. Ma il fascino della possibilità che Ponzio Pilato fosse abruzzese cattura l’immaginazione. La storia è spesso composta da strati di verità e mito. Alcuni dettagli rimarranno per sempre sconosciuti. Ma la curiosità e la ricerca costante potrebbero un giorno portare alla luce nuovi elementi che chiariscono il passato di questa figura enigmatica. La storia dell’Abruzzo, con le sue radici profonde e i suoi segreti sepolti, continua a tessere un mosaico affascinante di personaggi e eventi che sfidano il tempo.

Impostazioni privacy