Turismo in Abruzzo
Registra la tua struttura
Area Riservata

Collegilesco

Stai programmando di andare in Abruzzo?

Collegilesco, frazione di Cortino
Collegilesco
Dati e curiosità
frazione di: Cortino (Te)
area: Monti della Laga

Origine del nome
Il nome del comune, che deriva da Gilesco, sincope di Gentilesco, presumibilmente va ricondotto ad un vecchio feudatario chiamato Gentile.
Introduzione 
Collegilesco, situato a 783 metri sul livello del mare, è un comune in cui risiedono 31 persone appartenenti a 13 nuclei familiari. 20 chilometri lo separano da Teramo e appena 3 da Pagliaroli.  Fino al secolo scorso l’economia del comune era basata prevalentemente sull’agricoltura, ma il dinamismo degli abitanti ha permesso oggi di apportare grandi cambiamenti che hanno reso Collegilesco molto più moderno e dedito ad attività prima inesplorate come l’artigianato e lo sfruttamento dei boschi.
Storia

1134 
Donazione alla parrocchia aprutina, rappresentata da Guido II episcopo, di tutti i beni di Gusberto o Guilberto di Suppone presso “Colle Aiolesco”.
1350 
A Lalle II Camponeschi viene attribuito il titolo di conte di Montorio e alle zone da lui governate sarà poi aggiunto pure il feudo di Fronto, che racchiude anche Collegilesco.
1526 
Il registro censuale voluto dall’episcopo F. Cherigatto attesta che la parrocchia di Santa Maria di “Colle Agelisco”, parte della cappella di Pagliaroli, è tenuta a pagare rendite in natura e 2 soldi.
1614 
La parrocchia di Santa Maria di Collegilesco e quella di San Martino di Casanuova sono curate dal medesimo parroco.
1732 
La parrocchia di San Pietro di Pallaretta di Abetemozzo e quella di Santa Lucia di “Gragnano” vengono inglobate alla parrocchia curata di Collegilesco.

Foto di Collegilesco
Vedi tutte le immagini di Collegilesco

Da vedere
Il paesino è caratterizzato da abitazioni in pietra che risalgono all’Ottocento e ad epoche più recenti. Una di queste case custodisce un grosso camino costruito nel 1896 , che ricorda nelle fattezze una tradizione arcaica caratteristica di queste parti montane sin dal Cinquecento. La parrocchiale è dell’Ottocento