inAbruzzo | Fresagrandinaria
601
post-template-default,single,single-post,postid-601,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,select-theme-ver-3.8.1,wpb-js-composer js-comp-ver-5.1.1,vc_responsive

Fresagrandinaria

Fresagrandinaria

Frazioni

Guardiola

Dati e curiosità

  • altitudine: 460 m
  • superficie: 24 km quadrati
  • nome degli abitanti: fresani

Da visitare

La chiesa parrocchiale del Santissimo Salvatore. Fu fondata nel medioevo e viene citata dai documenti già nel 1327, ma venne poi ricostruita quasi del tutto nel 1858 stravolgendo l’aspetto originario. Il rifacimento fu realizzato su disegni di Luigi Dau, prevedendo una sola navata decorata con stucchi baroccheggianti. All’interno sono conservate un’acquasantiera di pietra del 1663, due tele del ‘700, un crocefisso in legno del XVI secolo, le due antiche statue che raffigurano San Biagio e San Germano, una croce da processione del ‘700 in argento di scuola napoletana, una reliquia di San Sebastiano. Ha forme classiche, il portale e i dettagli architettonici sono in pietra, la torre campanaria ha base quadrata

La chiesa di Sant’ Antonio di Padova alla Guardiola, costruita nel 1910 per onorare le ripetute apparizioni del Santo, apparso nella vicina grotta. L’originale chiesa fu demolita e ricostruita nel 1975

La chiesa della Madonna delle Grazie, detta anche Chiesuccia in Rione Piano. Anch’essa ha origini medievali e nacque come chiesa extra moenia ossia fuori dalle mura del paese. Nel 1949 fu completamente ricostruita e poi restaurata a più riprese negli anni seguire. Il campanile è a vela e soggerre una campana del 1885. All’interno si conserva la statua in legno dipinto della Madonna con Bambino che risale al XIV secolo ed è nota come “Madonna delle Grazie”

I ruderi dell’Abbazia di Sant’Angelo in CORNACHANO (o Cornacchiano) nella Guardiola, di fondazione medioevale, della quale restano la torre campanaria e altri elementi strutturali lungo il corso del fiume Treste. Il 13 di agosto i paesani vi si recano in pellegrinaggio. Giunti sul posto accendono ceri votivi e celebrano una Messa all’aperto accanto ai resti dell’antica chiesa. In questo luogo, negli anni attorno al 1260 si recava spesso il Beato Angelo da Furci, originario di Fresagrandinaria e protettore del paese.

Il palazzo Grandinati, pesantemente modificato e trasformato nel corso degli anni rispetto dell’originale

Dal territorio provengono numerosi reperti archeologici in terracotta di epoca italica

Vari esempi di architettura contadina in pietra

Immagini di Fresagrandinaria

vedi tutte le foto di Fresagrandinaria

Articoli culturali

cerca articoli culturali su Fresagrandinaria in Cultura inAbruzzo

Produzioni tipiche

Eventi

13 agosto
pellegrinaggio ai ruderi di Sant’Angelo in CORNACHANO

agosto
festa dell’Emigrante e sagra della Porchetta

Ricettività

Ristorante Albergo di Maria Loreta Frisco – via Papa Giovanni XXIII 56
Ristorante Annecchia – contrada Colle San Giovanni 9

Hotel

Approfondisci gli hotel di Fresagrandinaria

Ristoranti

Approfondisci i ristoranti di Fresagrandinaria

Agriturismo

Approfondisci gli agriturismo di Fresagrandinaria

Informazioni turistiche

Comune
via Municipio
tel 0873 321136
info@fresagrandinaria.com
www.fresagrandinaria.com