inAbruzzo | Collegilesco
4931
post-template-default,single,single-post,postid-4931,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,select-theme-ver-3.8.1,wpb-js-composer js-comp-ver-5.1.1,vc_responsive

Collegilesco

Collegilesco, frazione di Cortino

Collegilesco

Dati e curiosità

  • frazione di: Cortino (Te)
  • area: Monti della Laga

Origine del nome

Il nome del comune, che deriva da Gilesco, sincope di Gentilesco, presumibilmente va ricondotto ad un vecchio feudatario chiamato Gentile.

Introduzione 

Collegilesco, situato a 783 metri sul livello del mare, è un comune in cui risiedono 31 persone appartenenti a 13 nuclei familiari. 20 chilometri lo separano da Teramo e appena 3 da Pagliaroli.  Fino al secolo scorso l’economia del comune era basata prevalentemente sull’agricoltura, ma il dinamismo degli abitanti ha permesso oggi di apportare grandi cambiamenti che hanno reso Collegilesco molto più moderno e dedito ad attività prima inesplorate come l’artigianato e lo sfruttamento dei boschi.

Storia

  • 1134 
    Donazione alla parrocchia aprutina, rappresentata da Guido II episcopo, di tutti i beni di Gusberto o Guilberto di Suppone presso “Colle Aiolesco”.
  • 1350 
    A Lalle II Camponeschi viene attribuito il titolo di conte di Montorio e alle zone da lui governate sarà poi aggiunto pure il feudo di Fronto, che racchiude anche Collegilesco.
  • 1526 
    Il registro censuale voluto dall’episcopo F. Cherigatto attesta che la parrocchia di Santa Maria di “Colle Agelisco”, parte della cappella di Pagliaroli, è tenuta a pagare rendite in natura e 2 soldi.
  • 1614 
    La parrocchia di Santa Maria di Collegilesco e quella di San Martino di Casanuova sono curate dal medesimo parroco.
  • 1732 
    La parrocchia di San Pietro di Pallaretta di Abetemozzo e quella di Santa Lucia di “Gragnano” vengono inglobate alla parrocchia curata di Collegilesco.

Foto di Collegilesco

Vedi tutte le immagini di Collegilesco

Da vedere

Il paesino è caratterizzato da abitazioni in pietra che risalgono all’Ottocento e ad epoche più recenti. Una di queste case custodisce un grosso camino costruito nel 1896 , che ricorda nelle fattezze una tradizione arcaica caratteristica di queste parti montane sin dal Cinquecento. La parrocchiale è dell’Ottocento