inAbruzzo | Civitella Casanova
1085
post-template-default,single,single-post,postid-1085,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,select-theme-ver-3.8.1,wpb-js-composer js-comp-ver-5.1.1,vc_responsive

Civitella Casanova

Civitella Casanova

Frazioni

Vestea, Baffo, Centelle, Fazio, Madonna delle Grazie, Mirabello, Topanera, Fontebruna, Pettorano, San Giuseppe, Santanello, Pastini

Dati e curiosità

  • altitudine: 400 mt. s.l.m.
  • superficie: 31,77 Kmq
  • nome degli abitanti: civitellesi
  • Santo patrono: Maria SS. Assunta
  • festa patronale: 15 agosto

fa parte di

  • Comunità Montana Vestina
  • Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga

Storia

  • Epoca italica – romana
    Sembra che in questa zona sorgesse Cutina, antica città dei Vestini che entrò in conflitto con i romani nel 325 a.C.
  • IX secolo
    Nella ‘Cronica monasterii Casinensis’ viene menzionato per la prima volta il borgo medievale, ricordato come ‘Civitella della Badia’, per la vicinanza con l’abbazia cistercense di Santa Maria Casanova, fondata dalla contessa Margherita, madre di Bernardo II.
  • 1168
    Fu feudo del conte di Manoppello
  • XIII – XV secolo
    Fu possesso degli abati del monastero di Santa Maria Casanova; in seguito fu sottoposta ai Cantelmo, ai Colonna, ai Carafa.
  • 1811
    Il comune viene aggregato al circondario di Catignano, nel distretto di Penne.
  • 1927
    Il comune, già appartenente alla provincia di Teramo, passa alla nuova provincia di Pescara.

Da visitare

Abbazia Cistercense di Santa Maria di Casanova

Ne rimangono solo imponenti ruderi affatto valorizzati e tutelati a dovere. Si tratta di una imponente struttura cistercense di ispirazione borgognona della quale custodisce pregevoli esempi di scultura e architettura. Risalente al XII secolo (1191) conserva numerose rifacimenti gotici e rinascimentali. Fu un complesso ricco di ispirazioni e ricerche scientifiche e culturali per oltre sette secoli, aveva potere decisionale fino alle isole Tremiti dove era la casa madre dalla quale dipendeva direttamente. Venne soppressa nel 1807 sotto Giuseppe Bonaparte.

Chiesa di S. Maria delle Grazie

E’ la chiesa parrocchiale. Risale al XVI secolo in base alla data “1516” riportata sull’architrave del portale principale. Accanto compare la dedica della struttura, in lettere greche, alla Vergine Maria. Sulla muratura compare anche lo stemma del Cardinale Borromeo, infisso nel 1610 in occasione della visita alla sua chiesa commendataria. La facciata è semplice, piatta, liscia senza architetture complesse. Presenta un semplice rosone nella parte alta. Il campanile è quadrangolare con archi a piencentro. L’interno, a navata unica, ristrutturato interamente negli anni ’50, conserva alcuni arredi liturgici provenienti dalla Abbazia di Casanova tra i quali spiccano: alcuni paramenti sacri, il coro ligneo, pregevolmente scolpito, che cinge l’abside quadrata, una statua lignea, in acero, della Vergine con Bambino, impostata su un capitello di tradizione dorica. Coevi alla costruzione alcuni affreschi raffiguranti la Madonna del Rosario col bambino in trono fra angeli e i santi Domenico e Caterina da Siena, tutti circondati da formelle dipinte coi misteri del Rosario.

Chiesa della Madonna della Cona

Si trova fuori dal centro abitato in corrispondenza del cimitero. Di epoca rinascimentale reca la data 1529 incisa su una lesena del portale maggiore riccamente decorato in pietra bianca e realizzato da Pietro Aquilano e Bernardino Darz. Il campanile è a vela. L’interno è a navata unica. Il nome “della Cona” (da “icona”) deriva dalla presenza di un affresco seicentesco, inglobato in un altare di stucco, che raffigura una Madonna con il Bambino. Rilevante un affresco votivo cinquecentesco che commemora la grazia ricevuta da una donna rimasta sepolta sotto la neve e salvata grazie all’intervento della Vergine, episodio raffigurato nell’effige.

Chiesa di S. Michele Arcangelo

Chiesa parrocchiale ubicata nella piazza principale della frazione di Vestea.

Palazzetto baronale

Palazzo Pignatelli, risalente al XVIII secolo, conserva pregevoli affreschi del pittore locale Severino Galante. Attualmente non è agibile a causa del sisma del 2009.

Sorgenti

Sono presenti e visitabili due sorgenti sulfuree (fino a 14° C): una denominata di Colle Mancanello e l’altra in località Festina.

Zoo Parco La Rupe 

Nella Contrada S. Giovanni è stato impiantato lo “Zoo Parco La Rupe” che accoglie animali di tutti i tipi, uccelli rettili e mammiferi. In particolare è attrezzato anche per ospitare animali provenienti da sequestri o da affidamenti legali. Sono presenti anche aree attrezzate per escursioni, pic-nic e tempo libero.

Immagini di Civitella Casanova

vedi tutte le foto di Civitella Casanova

Articoli culturali

cerca articoli culturali su Civitella Casanova in Cultura inAbruzzo

Eventi

17 gennaio
Lu Sand’Andonie

Festa in onore di Sant’Antonio Abate; sfila lungo le vie del paese una processione di animali legati alle tradizioni contadine guidati da paesani in costume tipico. Alla fine della processione eventi di intrattenimento musicale e teatrale.

Maggio – giugno
Festeggiamenti per la Madonna delle Grazie in occasione della Pentecoste

Secondo fine settimana di agosto
Sagra Tajarille e Fasciule
Caratteristica minestra composta da pasta fatta a mano e fagioli.

15 agosto
Festa dell’Emigrante
Nella frazione di Vestea

Ricettività

Hotel

Approfondisci gli hotel di Civitella Casanova

Ristoranti

Approfondisci i ristoranti di Civitella Casanova

Agriturismo

Approfondisci gli agriturismo di Civitella Casanova

Informazioni turistiche

Comune
C.so Umberto I° 4
tel. 085 845115

Delegazione comunale di Vestea
Via S.Michele Arcangelo 8
tel. 085 846158