Tradizioni e folclore d’Abruzzo

Tradizioni e folclore d'Abruzzo

In Abruzzo vi sono molti luoghi che offrono durante tutto l’arco dell’anno straordinari eventi; grandi centri e piccoli borghi accomunati dal profondo senso di partecipazione e tradizione con cui la gente del posto vive i suoi riti e le sue tradizioni, e le offre con grande spontaneità al visitatore curioso e rispettoso.

Folclore e manifestazioni tradizionali in Abruzzo

Gli avvenimenti storici d’Abruzzo uniti alla grande eterogeneità dell’ambiente hanno permesso nel tempo di affinare, completare e impreziosire usi e costumi della regione con caratteri provenienti dall’esterno, diversi in ogni paesino, realizzando rituali decisamente unici e affascinanti.

Cerimonie rituali che sono state generate dalla mirabile fusione di elementi del paganesimo romano e dei culti italici con il forte impulso del Cristianesimo, sommati a caratteri della quotidianità delle zone rurali e pastorali, le quali da sempre si sono caratterizzate per la loro genuinità e la ripetizione delle loro azioni. Da questa mescolanza si è giunti oggi a un
vero e proprio calendario emozionale, pieno di eventi suggestivi, che garantisce per 365 giorni l’anno  numerose attività folcloristiche e feste popolari della più pura tradizione abruzzese.

Feste e tradizioni di Gennaio

Il calendario degli eventi di Gennaio comincia giorno 5 con il Presepe Vivente di Rivisondoli, seguito il giorno dopo dal Bacio del Bambino di Lama dei Peligni. Il 16 e il 17 cominciano i festeggiamenti dedicati a Sant’Antonio Abate, tra i quali il Canto di Questua di Cermignano, le Cottore di Collelongo e la Panarda di Villavallelonga. Queste ultime allestiscono dei banchetti secondo un preciso rituale.

 Presepe vivente a Rivisondoli

Dopo il tramonto di giorno 16 si possono ammirare i falò della Farchie di Fara Filiorum Petri. Altre due feste tradizionali si celebrano giorno 20, per i festeggiamenti del Vaporetto di Ortona e a Bisegna per la festa delle Panette di San Sebastiano. Giorno 23 ci si riunisce per la rappresentazione dello Sposalizio di San Giuseppe a San Martino Marrucina.

Feste e tradizioni di Febbraio

Giorno 3 Febbraio si tiene la festa delle Panicelle di San Biagio a Taranta Peligna, seguita i due giorni successivi dalla Processione alla Fonte di Sant’Agata di Castelvecchio Subequo. Infine il 10 si festeggia Santa Scolastica a Corropoli.

Feste e tradizioni di Carnevale

I festeggiamenti di Carnevale fondono elementi religiosi e pagani dappertutto nei borghi abruzzesi, attraverso il corteo dei carri allegorici o di particolari maschere come quella dei Corsi Mascherati di Francavilla al mare che si tiene fino al martedì grasso. Un altro particolare modo di festeggiare lo si ritrova a Castiglione Messer Marino con la festa del Pulgenelle, personaggio conosciuto per lo più col nome di Pulcinella, ma modificato nel gergo del dialetto locale.

Feste e tradizioni di Marzo

Una cerimonia rituale che l’Abruzzo condivide con la regione del Molise sono le Tavole di San Giuseppe, celebrate giorno 18 e 19 marzo a Monteferrante.

Feste e tradizioni di Pasqua

 Processione del Cireneo a Lanciano

Il periodo di pasqua è un momento molto sentito per la gente abruzzese e si contano moltissimi eventi che ne celebrano l’importanza un po’ ovunque. Tra le manifestazioni più
affascinanti della regione ricordiamo la Passione Vivente di Gessopalena, che però viene messa in scena solo negli anni pari durante il mercoledì Santo. Sul palcoscenico, poi si rappresentano anche la Desolata a Teramo durante la sera del mercoledì, e il Cireneo Scalzo a Lanciano durante il giovedì santo. Il Venerdi santo, invece, si susseguono diverse processioni per la morte di Cristo in tutta la regione: Sulmona, Chieti, Pescocostanzo, Penne, Atri e Lanciano.

 Venerdi Santo a Pescocostanzo

Prima che cominci la Settimana Santa a Vasto, durante la processione della Sacra Spina, si espone la “sacra spina”, appunto, che si ritiene appartenente alla celebre corona posizionata sul capo di Cristo. Il giorno di Pasqua si festeggia il Buongiorno di Pianella, e il rituale di origini greco-ortodosse di Villa Badessa e della “Madonna che scappa in piazza” di Sulmona. Il giorno dopo nelle zone rurali di San Tommaso di Caramanico si volge la processione tra i Campi o la festa di Paganica. E il giorno dopo ancora Orsogna mette in scena la rappresentazione dei Talami.

Feste e tradizioni di Aprile

La maggior parte degli eventi del mese di Aprile sono svolti in occasione del periodo pasquale, tranne la festa delle Some di San Salvo di giorno 20 e la festa della Madonna dello Splendore di Giulianova il giorno 22.

Feste e tradizioni di Maggio

Il periodo primaverile vede svolgersi i festeggiamenti sin dal primo giorno del mese di maggio in tutta la regione: il Calende di Tornimparte, il Majo di San Giovanni Lipioni, l’Albero di Maggio di Sant’Omero. Il primo giovedì è dedicato al corteo di San Domenico e i Serpari, durante il quale serpenti veri ma inoffensivi coronano la statua del santo che sfila nelle strade di Cocullo. La prima domenica nel borgo di Pretoro si tengono i festeggiamenti in onore di San Domenico e Lu Lòpe, il lupo, e anche in questo caso il santo viene portato in processione ricoperto di serpenti vivi.

 San Domenico e lu lope a Pretoro

Nella stessa giornata si festeggiano anche la Madonna della Croce di Pietranico, la Madonna della Libera di Pratola Peligna e del Perdono di Ortona. Per tre domeniche di Maggio ad Atessa si svolge la processione della ‘Ndorce, invece, la domenica rimanente, la seconda, si svolge il Pellegrinaggio alla Madonna delle Grazie di Vacri. Altri due pellegrinaggi si hanno alla Grotta di Balsorano e di Liscia, giorno 8, e delle Verginelle di Rapino. I giorni 11 e 12 si celebrano i festeggiamenti dedicati a Santa Gemma a Goriano Sicoli, giorno 18 sono dedicati a San Venanzio a Raiano. A fine mese si possono visitare le sagre dei Banderesi di Bucchianico, dal 24 al 27 maggio, e l’ultima domenica quella del Narciso di Rocca di Mezzo.

Feste e tradizioni di Pentecoste

Il giorno in cui si festeggia la pentecoste viene messo in scena a Luco dei Marsi lo spettacolo dei Signori dello Spirito Santo. Il giorno dopo si svolge la processione di San Zopito a Loreto Aprutino, in cui un bue viene fatto inginocchiare in segno di rispetto davanti al Santo.

Feste e tradizioni di Giugno

La prima domenica di Giugno a Palombaro si festeggia il Miracolo di San Domenico. Giorno 10 e 11 a Casalbordino la festa è dedicata alla Madonna dei Miracoli, e il giorno successivo un corteo partito da Serramonacesca arriva fino all’eremo di Sant’Onofrio. Altri festeggiamenti sono dedicati il 13 a Sant’Antonio del Giglio a Scanno, e il 24 a San Giovanni Battista a Civitella Roveto e dei Compari di San Giovanni a Bisegna. Infine, viene acceso un fuoco in occasione della festa di Lu Cencialone a Silvi Alta, giorno 28.

Feste e tradizioni di Luglio

 Giostra cavalleresca a Sulmona

I festeggiamenti del mese di Luglio si aprono il 12 in occasione del miracolo di Santa Margherita a Villamagna, seguiti il 26 dal Trionfo della Pace a Teramo (da anni ormai non più celebrato). Il 27 sono dedicati a San Pantaleone a Miglianico. La domenica che conclude il mese si svolge la Giostra cavalleresca di Sulmona, e si festeggia Sant’Andrea Pescatore di Pescara, durante la quale il Santo protettore dei pescatori viene portato in processione su una barca.

Feste e tradizioni di Agosto

La domenica che apre il mese di Agosto, pieno di eventi, nel comune di Tollo si festeggia la Madonna dei Turchi. Giorno 14 viene aperta la Porta Santa della Basilica di Santa Maria Assunta di Atri. Giorno 15 gli eventi sono molteplici: Fiera dell’Assunta di Castel Castagna, Palio delle Pupe di Cappelle sul Tavo e la festa del Catenaccio di Scanno.
Giorno 16 si celebra san Rocco a Castelvecchio Subequo, seguito il 19 dalla festa del Giglio di Sant’Antonio a Giuliano Teatino, giorno in cui comincia il pellegrinaggio che parte da Fornelli e giunge a Villalago il 21.

 Processione a mare di Giulianova

Giorno 25 parte il corteo di San Bartolomeo che si reca nel relativo eremo sito a Roccamorice. L’ultima domenica di agosto coincidono diversi eventi, quali la festa del Solco Diritto a Rocca di Mezzo, di San Donato a Castel di Ieri e del Mastrogiurato a Lanciano. Infine, giorno 28/29 a L’Aquila si festeggia la perdonanza istituita da papa Celestino V, e giorno 31 Lanciano propone La Fiera di Sant’Egidio, mentre a Giulianova, Silvi e Tortoreto si può assistere alle suggestive processioni sulle barche.

Feste e tradizioni di Settembre

Giorno 1 Settembre parte da Isola Gran Sasso un pellegrinaggio che giunge fino all’eremo di Santa Colomba. La domenica seguente si susseguono due tra gli eventi più interessanti: a Pacentro c’è la Corsa degli Zingari, invece a Serramonacesca la Festa degli Omaggi. Giorno 8 le ricorrenze sono il Dono di Santa Maria del Ponte a Lanciano e i festeggiamenti per Maria Odigitria a Villa Badessa, con un caratteristico rituale di origine greco-ortodossa.

 Corsa degli Zingari a Pacentro

La domenica più vicina a questo giorno si hanno a Civitarenga i festeggiamenti dello Squadro. Poi, giorno 11 si festeggia la Madonna del Monte di Castiglione Messer Marino, giorno 23 si svolge il Ballo dell’Insegna di Forcella, giorno 26-27 le feste sono rivolte ai Santi Cosma e Damiano nei comuni di Altino, Lentella e Roccascalegna.

Feste e tradizioni di Novembre

Giorno 10 Novembre, dedicato a San Martino, nel borgo di Scanno si svolgono i festeggiamenti delle Glorie, durante i quali sono incendiate grosse cataste di legna.

Feste e tradizioni di Dicembre

La prima festa del mese di Dicembre, giorno 6, è quella delle fave di San Nicola a Pollutri, seguita giorno 8 dal falò dei Faugni di Atri, e giorno 10 dalla Mattinata del Viso Adorno di Torino di Sangro. Lanciano festeggia il 23 la cerimonia della Squilla, e il 24 a  Nereto si accende il Fuoco di Natale, che dovrà rimanere acceso fino al 6 Gennaio. Nel corso del mese, poi, si realizzano diversi presepi viventi e rappresentazioni sulla nascita di Gesù in ogni parte della regione.

Potreste trovare interessanti anche questi articoli:

  • Putroppo non ci sono articoli su questo argomento.




Questo articolo ha 4 commenti

  • antonio scrive:

    L’Abruzzo è una regione molto bella e anche molto conosciuto e popolata

  • giulia scrive:

    secondo me l’abruzzo come regione e molto bella e affascinante e sono molto contenta che ci sn tutte qeste informazioni su di essa

  • alessia scrive:

    io dovrei fare un testo sui riti e le tradizioni pasquali della mia regione cioe’ l’abruzzo ma questo k e scritto qua e’ un po poko mi consigliate un sito piu rikko di informazioni????grz w l’abruzzoooo

  • silvia scrive:

    secondo me l’abruzzo come regione è molto affascinante e sono felice che ci siano tutte queste informazioni su di essa.

Lascia un Commento

Si prega di inserire solo commenti inerenti l'articolo e l'argomento trattato.